FANDOM


Stendardo presidenziale Repubblica Italiana
Il Presidente della Repubblica Italiana è la carica istituzionale più importante della Repubblica. è il capo dello Stato italiano e rappresenta l'unità nazionale, come stabilito dalla Costituzione italiana entrata in vigore il 1º gennaio 1948.

è un organo costituzionale eletto dal Parlamento in seduta comune, integrato da rappresentanti delle Regioni (tre per ognuna, ad eccezione della Valle d'Aosta, che ne ha uno solo, per un totale di 58) e dura in carica per sette anni. La Costituzione stabilisce che può essere eletto presidente qualsiasi cittadino/a italiano/a che abbia compiuto i cinquanta anni di età e che goda dei diritti civili e politici.

La residenza ufficiale del presidente della Repubblica è il Palazzo del Quirinale (sull'omonimo colle di Roma) che per metonimia indica spesso la stessa presidenza.

L'attuale Presidente della Repubblica è Sergio Mattarella, eletto il 31 gennaio.

l'elezione del Presidente della Repubblica, avvenute dal 29 gennaio al 31 gennaio, è stato eletto Sergio Mattarella.

ElezioneModifica

L'elezione del Presidente della Repubblica è regolamentata dall'articolo 83 della Costituzione. Viene eletto dal Parlamento in seduta comune. Assieme ai membri della Camera e del Senato vi partecipano tre delegati per ciascuna regione, eccetto la Valle d'Aosta che ha un solo delegato. Tutti i delegati sono eletti dal Consiglio regionale.

L’elezione ha luogo per scrutinio segreto. Nelle prime tre votazioni è necessaria l'approvazione dei 2/3 dell'assemblea (maggioranza qualificata); per le votazioni successive è sufficiente la maggioranza assoluta. La carica dura sette anni, ciò impedisce che un presidente possa essere rieletto dalle stesse Camere, che hanno mandato quinquennale, e contribuisce a svincolarlo da eccessivi legami politici con l'organo che lo vota. La sede per la votazione è quella della Camera dei deputati. Il presidente entra in carica dopo aver prestato giuramento al Parlamento al quale si rivolge tramite un messaggio presidenziale.

La convocazione del parlamento viene indetta da parte del presidente della Camera dei deputati per il trentesimo giorno prima della scadenza naturale del mandato del presidente della Repubblica. Nel caso le Camere siano sciolte, o manchino meno di tre mesi alla loro cessazione, l'elezione del presidente avrà luogo entro il quindicesimo giorno a partire dalla riunione delle nuove Camere. Nel frattempo sono prorogati i poteri del presidente in carica.

La Costituzione Italiana non prevede un limite al numero di mandati per quanto concerne la carica di presidente della Repubblica. Il primo caso di riconferma del presidente uscente è datato 20 aprile 2013 con l'elezione di Giorgio Napolitano.

Scadenza del mandatoModifica

Il mandato del Presidente della Repubblica termina nei seguenti casi:

  • Scadenza naturale del mandato: dopo sette anni si conclude il mandato.
  • dimissioni: il Presidente della Repubblica può dimettersi, affidando il mandato al Presidente della Camera, che indice le nuove elezioni;
  • morte: in caso di decesso del Presidente della Repubblica, il mandato termina e vengono indette le nuove elezioni;
  • impedimento permanente: in caso di una grave malattia, che impedisca le funzioni;
  • destituzione: in caso di giudizio di colpevolezza sulla messa in stato d'accusa per reati di alto tradimento e attentato alla Costituzione;
  • decadenza, per il venir meno di uno dei requisiti di eleggibilità.

I PresidentiModifica

La Repubblica Italiana ha avuto, nella sua storia, 12 presidenti della Repubblica.

Ritratto Nome (nascita-morte) Scrutini Voti Mandato Partito
inizio fine
1
De Nicola Presidente

Enrico De Nicola

(1877-1959)

1

69,1%

(396 voti su 573)

1° gennaio 1948 12 maggio 1948 Partito Liberale Italiano
2
Luigi Einaudi

Luigi Einaudi

(1874-1961)

4 57,6%

(518 voti su 900)

12 maggio 1948 11 maggio 1955 Partito Liberale Italiano
3
Giovanni Gronchi

Giovanni Gronchi

(1887-1978)

4 78,1%

(658 voti su 843)

11 maggio 1955 11 maggio 1962 Democrazia Cristiana
4
Presidente Segni

Antonio Segni

(1891-1972)

9

51,9%

(443 voti su 854)

11 maggio 1962 6 dicembre 1964 Democrazia Cristiana
5
Giuseppe Saragat

Giuseppe Saragat

(1898-1988)

21

67,1%

(646 voti su 963)

29 dicembre 1964 29 dicembre 1971 Partito Socialista Democratico Italiano
6
Giovanni Leone

Giovanni Leone

(1908-2001)

23

51,4%

(518 voti su 1008)

29 dicembre 1971 15 giugno 1978 Democrazia Cristiana
7
Sandro Pertini

Sandro Pertini

(1896-1990)

16

82,3%

(832 voti su 1011)

9 luglio 1978 29 giugno 1985 Partito Socialista Italiano
8
Francesco Cossiga 01

Francesco Cossiga

(1928-2010)

1

74,3%

(752 voti su 1011)

3 luglio 1985 28 aprile 1992 Democrazia Cristiana
9
Presidente Scalfaro

Oscar Luigi Scalfaro

(1918-2012)

16

66,5%

(672 voti su 1011)

28 maggio 1992 15 maggio 1999 Democrazia Cristiana
10
Ciampi ritratto

Carlo Azelio Ciampi

(1920-vivente)

1

70,0%

(707 voti su 1010)

18 maggio 1999 15 maggio 2006 Indipendente
11
Giorgio Napolitano

Giorgio Napolitano

(1925-vivente)

4

6

53,8%

(707 voti su 1009)

73,2%

(738 voti su 1007)

15 maggio 2006

22 aprile 2013

22 aprile 2013

14 gennaio 2015

Democratici di Sinistra

Indipendente

12
Presidente Sergio Mattarella

Sergio Mattarella

(1941-vivente)

4

65,9%

(665 voti su 1009)

3 febbraio 2015 In carica Indipendente

Ad blocker interference detected!


Wikia is a free-to-use site that makes money from advertising. We have a modified experience for viewers using ad blockers

Wikia is not accessible if you’ve made further modifications. Remove the custom ad blocker rule(s) and the page will load as expected.

Inoltre su FANDOM

Wiki casuale