FANDOM


800px-Stemma della Polizia di Stato 2007.svg
La Polizia di Stato è una delle cinque forze di polizia italiane direttamente dipendente dal Dipartimento della pubblica sicurezza, del Ministero dell'Interno.

Costituisce autorità nazionale di pubblica sicurezza e vigila sul mantenimento dell'ordine pubblico.

OrganizzazioneModifica

RepartiModifica

La Polizia di Stato è in apposte divisioni o reparti di "specialità". Questi dipendono dalle apposite direzioni e uffici tutti inquadrati nel Dipartimento della pubblica sicurezza.

- Ufficio per l'amministrazione generale:

  • Polizia amministrativa (PASI)

- Ufficio per il coordinamento e la pianificazione delle Forze di polizia

- Ufficio centrale ispettivo

- Direzione centrale per gli affari generali

- Direzione centrale della polizia criminale

  • Centro elaborazione dati
  • Centri raccolta regionale e interregionale della Polizia di Stato
  • Elenco dei latitanti di massima pericolosità

- Direzione centrale della Polizia di Prevenzione

  • Nucleo operativo centrale di sicurezza
  • DIGOS

- Direzione centrale per la polizia stradale, ferroviaria, delle comunicazioni e per i reparti speciali della Polizia di Stato

  • Polizia ferroviaria
  • Polizia postale e delle comunicazioni (ex Polizia Postale)
  • Polizia stradale
  • Reparti mobili della Polizia di Stato (ex Reparti celeri della Polizia di Stato ed ex battaglioni celeri del Corpo delle Guardie di P.S.)
  • Servizio aereo della Polizia di Stato
  • Squadre nautiche
  • Reparto artificieri della Polizia di Stato
  • Reparto a cavallo della Polizia di Stato
  • Reparto cinofili della Polizia di Stato
  • Nuclei tiratori scelti
  • Polizia alpina

- Direzione centrale dell'immigrazione e della polizia delle frontiere

  • Polizia dell'immigrazione e delle frontiere

- Direzione centrale per i servizi antidroga

- Direzione centrale per le risorse umane

- Direzione centrale per gli istituti d'istruzione

  • Scuola superiore di Polizia (ex Istituto superiore di Polizia e Accademia guardie di P.S.)
  • Scuole per allievi ispettori
  • Scuole per allievi agenti
  • Centri di addestramento

- Direzione centrale di sanità

  • Servizio sanitario della Polizia di Stato

- Direzione centrale dei servizi tecnico-logistici e della gestione patrimoniale

- Direzione centrale per i servizi di Ragioneria

- Direzione Investigativa Antimafia

- Ufficio centrale interforze per la sicurezza personale

- Direzione centrale anticrimine

  • Servizio centrale operativo
  • Servizio polizia scientifica
  • Servizio controllo del territorio (Reparto prevenzione crimine)

- Uffici speciali (ispettorati) di pubblica sicurezza:

  • Palazzo del Viminale
  • Senato della Repubblica e Camera dei deputati
  • Città del Vaticano
  • Palazzo Chigi (Presidenza del Consiglio dei ministri)
  • Presidenza della Regione Siciliana

DotazioneModifica

ArmamentiModifica

Il personale ha in dotazione individuale una pistola d'ordinanza Beretta 92FS cal. 9 × 19 mm Parabellum, e come dotazione di reparto, una pistola mitragliatrice Beretta M12 9 × 19 mm Parabellum, mentre altri reparti specialistici (es. squadra mobile, SCO, NOCS., reparti mobili, tiratori scelti) hanno accesso a vari tipi di armi o artifizi.

VeicoliModifica

Alfa 159 Squadra Volante
La maggior parte dei veicoli in dotazione alla Polizia di Stato sono autovetture. Attualmente vengono usate le Fiat Punto 60, usate prevalentemente per ricognizione, le Alfa Romeo 159 2.4 JTD, le Subaru Legacy SW, le Subaru Forester e i Land Rover Discovery nelle varie versioni. Vengono usate anche vetture di altre case che generalmente si vedono sulle autostrade e che sono fornite dalle stesse società concessionarie autostradali. Nel maggio 2004 sono state cedute in comodato d'uso gratuito dalla Lamborghini due Gallardo. Sono anche utilizzate utilizzate due Lamborghini Huracan, dotate di motore v10 e 520cv, con la classica livrea bianco/blu e vari accessori opzionali (tra cui un contenitore per il trasporto di organi e un defibrillatore semiautomatico).

Le vetture vengono utilizzate sull'autostrada A3 Salerno-Reggio Calabria e sulla A14 Bologna-Taranto. Nel 2008 le vetture consegnate nel 2004 sono state sostituite con versioni aggiornate (LP 560-4), sempre fornito dalla casa automobilistica italiana. Una delle due vetture è stata distrutta in un incidente il 30 novembre del 2009. Nel passato sono state utilizzate dalle questure le famose Alfa Romeo Giulia, Alfetta, Alfasud, Giulietta, Alfa Romeo 33, Fiat Marea, Fiat Bravo (nuovo modello), Alfa Romeo 155. Svariate le auto "civetta" (con colori civili e targhe di copertura), anche a causa della possibilità di utilizzare, a tale scopo, vetture confiscate. Recentemente, fra queste erano state annoverate anche delle "supercar", poi restituite dalla polizia a causa degli eccessivi costi di gestione, che rendevano più opportuno impiegare le scarse risorse a disposizione per la protezione dei cittadini sul territorio e le indagini. Le auto acquistate nuove appaiono in livrea (o in servizio) in genere dopo un lasso di tempo di circa un biennio rispetto al lancio sul mercato della versione civile. Ciò a causa della procedura burocratica di scelta prima, e di gara in tempi più recenti. Le società autostradali hanno nel passato acquistato e dato in comodato alla polizia Alfa Romeo Giulia, Alfetta, Alfa Romeo 90, Alfa Romeo 75, Alfa Romeo 156. Oltre a queste, la polizia ha utilizzato direttamente anche l'Alfa 155, di cui si trovano tuttora alcuni esemplari - versione 16v del 1996 - operativi, utilizzati ormai per compiti non di pronto intervento.

Le auto della polizia "autostradali" appartengono alle società che gestiscono i tratti stradali, le quali dispongono quindi liberamente delle vetture a fine carriera, spesso rivendendole a commercianti. Il corpo di polizia - dal canto suo - metteva all'asta i propri veicoli (dichiarati dismessi e permanentemente inidonei al servizio, dopo una procedura burocratica ad hoc) allorquando le riparazioni necessarie fossero valutate non più convenienti. Spesso, prima di arrivare alla vendita, i veicoli venivano "spostati" ed impiegati in compiti sempre meno "stressanti", così da ottimizzare le risorse: molte volanti, quindi, terminavano la propria carriera dedicandosi a servizi minori (quali consegna posta, trasporti vari, etc). L'alienazione di auto civetta e di vetture coi colori d'istituto veniva usualmente destinata a commercianti; alcuni mezzi venivano poi reimmatricolati con targhe civili e rivendute a privati. Dei mezzi ex polizia, però, da qualche anno non è più possibile la reimmatricolazione su strada. Pratica che - del resto - era comunque sempre meno in uso: complice la mutazione del mercato dell'auto in generale, dotato di offerte sempre maggiori e modelli nuovi lanciati con sempre più frequenza, la svalutazione di auto di oltre 10 anni rendeva molto più conveniente alle persone acquistare ad esempio - a pari prezzo - vetture identiche per marca e modello a quelle ex polizia, ma sempre appartenute a privati e quindi meglio gestite.

Inoltre, complici i tagli al settore sicurezza, le auto della polizia hanno iniziato ad essere impiegate in maniera sempre più continuativa, estrema e stressante, senza poter effettuare manutenzione o riparazioni adeguate, tali da renderne un eventuale ripristino a fine carriera assolutamente oneroso, ed un successivo utilizzo rischioso. La Polizia ha iniziato ad interessarsi della preservazione del proprio patrimonio automobilistico grazie all'interessamento di alcuni dipendenti (che dettero luogo ad alcune realtà locali, quali la Scuderia delle Pantere Storiche, istituita a Firenze nel 1989). Oggi, le auto della polizia ritenute maggiormente interessanti sono comunque custodite - quasi un esemplare restaurato per ogni modello utilizzato (manca ad oggi, ad esempio, la 155) - e visitabili, presso una realtà istituzionale dedicata: il Museo delle Auto della polizia, fondato in Roma nel 2004.

Da diversi reparti specialistici sono anche utilizzate imbarcazioni, aeromobili e motocicli.

Ad blocker interference detected!


Wikia is a free-to-use site that makes money from advertising. We have a modified experience for viewers using ad blockers

Wikia is not accessible if you’ve made further modifications. Remove the custom ad blocker rule(s) and the page will load as expected.

Inoltre su FANDOM

Wiki casuale