FANDOM


Max Biaggi Aprilia
Il Campionato del Mondo di Superbike (Eni FIM Superbike World Championship) è una competizione motociclistica internazionale, dove vengono utilizzate motocilette derivate dalla produzione di serie.

Sin dagli inizi di questa competizione, nel 1988, l'Italia è una delle nazioni protagoniste. Oltre a numerosi piloti italiani partecipanti, l'Italia ha un grande ruolo nel campionato costruttori con 4 case partecipanti e numerosi titoli conquistati.

PilotiModifica

Sin dagli inizi di questo campionato, i piloti italiani si sono distinti con numerosi gran premi vinti. Il 3 aprile 1988, primo gran premio nella storia della competizione, Davide Tardozzi vinse la prima gara. Un'altro italiano vinse gara 2: Marco Lucchinelli.

I piloti che hanno vinto almeno un gran premio sono: Davide Tardozzi, Marco Lucchinelli, Fabrizio Pirovano, Giancarlo Falappa, Mauro Lucchiari, Pierfrancesco Chili, Lorenzo Lanzi, Michel Fabrizio e Marco Melandri e Max Biaggi.

Biaggi è l'unico italiano ad aver vinto il campionato mondiale piloti. Con il binomio Max Biaggi-Aprilia, il pilota romano ha conquistato due titoli piloti: nel 2010 e nel 2012.

MotocicletteModifica

Nel campionato costruttori l'Italia è la nazione più titolata (21 campionati vinti). La Ducati è la casa motociclistca che ha ottenuto più vittorie: 17 campionati vinti. L'Aprilia è la seconda casa italiana ad aver vinto il titolo costruttori; la casa di Noale è detentrice del titolo e vanta 4 titoli vinti.

DucatiModifica

Ducati ha partecipato a tutte l'edizioni del campionato, vincendo 17 titoli costruttori. Tutte le moto utilizzate, vere opere d'arte del design italiano, hanno vinto almeno un titolo mondiale; ad eccezione della nuova 1199 Panigale.

Gran PremiModifica

Nella storia di questo campionato, l'Italia ha ospitato diversi gran premi. Oltre a Imola (2001-2006, 2009-2014) e Misano (1991, 1993-2012, 2014), tutt'ora presenti nel calendario, la Superbike ha corso a Monza (1990, 1992-1993, 1995-2013), Vallelunga (2007-2008), Mugello (1991-1992, 1994) e Pergusa (1989).